All Posts By

Poderi Morini

TRAT-TOUR ORIOLO IN VIGNA

By News

Sabato 25 dalle 12 alle 19 e domenica 26 maggio dalle 10 alle 19 il Trat-Tour tornerà a percorrere le colline di di Oriolo dei Fichi!

Potrete visitare la cantina e degustare i miei vini: il Pignoletto, l’Albana, il Sangiovese, il Bursòn e soprattutto il Centesimino, vitigno caratteristico della nostra zona.

Ultime novità in assaggio: Nonno Rico Sangiovese Riserva DOC Oriolo 2013, Morale Sangiovese DOC Oriolo 2017, Morosé Spumante e Savignone 2017 da uve Centesimino e inoltre

da non perdere la prima uscita dei preziosi passiti di Albana e Centesimino Innamorato e Rubacuori !!!

Ogni degustazione avrà il costo di 4 euro, 3 piccoli assaggi 6 euro e ogni passito 2,50 euro. Sarà effettuato un servizio di consegna del vino eventualmente acquistato al parco della Torre di Oriolo.

Il punto di ritrovo sarà il parcheggio nel parco della Torre di Oriolo, da qui ogni 45 minuti sarà possibile salire sul carro panoramico trainato da un trattore (biglietto giornaliero: 2 euro)

Novità di quest’anno è la presenza di un servizio di bus navetta gratuito, che collegherà in modo continuativo la stazione di Faenza alla Torre di Oriolo in entrambe le giornate dalle 9

del mattino fino alle 22 (ultima partenza dalla stazione verso Oriolo dei Fichi alle ore 17).

 

Vi aspetto!!!

VINOUS JAN D’AGATA RECENSISCE I NOSTRI VINI MOROSE’

By News

Jan D’agata famoso assaggiatore e giornalista sommelier ha pubblicato un articolo su Vinous,  potete trovare i suoi pezzi anche su www.winous.com,

Raccontando della sua visita in Emilia Romagna, ma è interessante vedere punteggi che ha assegnato ai vini di Alessandro Morini, tutti superiori ai 90 punti.

Bisogna dare atto che l’azienda Poderi Morini è cresciuta tantissimo in questi anni e sostanzialmente è normale dopo un lavoro ben fatto ci siano risultati.

Cavalli di battaglia dell’azienda sono il SAVIGNONE  92/100 MOROSE’ SPUMANTE BRUT 92/100, vini ottenuti da uve CENTESIMINO risultato insperato per uno dei vitigni meno conosciuti in Italia.

Poderi Morini produce l’intera gamma dei vini di Romagna e sempre Jan D’Agata ha assegnato al Sangiovese Superiore MorALE 90/100, mentre il Sangiovese Superiore NONNO RICO 91+/100.

Passando ai bianchi l’Albana di Romagna SETTE NOTE si è aggiudicata 88/100, il nuovo che avanza in casa Morini troviamo il vino dell’estate, PIGNOLETTO FRIZZANTE che è stato premiato con ben 90/100 e nel 2017 ha ottenuto anche il Premio Mediterraneo Packaging per la bella etichetta.

MASSIMO MORATTI ITALO CUCCI RICEVONO IL MAGNUM NADEL

By News

Il Nadèl di Alessandro Morini diventa il vino dell’Inter, quello del cuore, quello della famiglia MASSIMO MORATTI .
Certamente per un tifoso dell’ Inter, il presidente dei presidenti è Massimo Moratti, figlio di un grandioso presidente dell’Inter nel secolo scorso.
Ora le cose sono diverse, anche se la squadra nerazzurra rimane tra le top italiane, ma ancora il nome dei Moratti fa scaldare il cuore dei tifosi.
Momento della premiazione con i famosi magnum di Nadèl Riserva di Alessandro Morini
A riportare in luce la prestigiosa famiglia milanese è il grande giornalista sportivo Italo Cucci con il libro “ Moratti Inter Album di Famiglia” questo bel volume è in libreria.
Cervia 26° rassegna letteraria ha visto protagonisti, tra i premiati appunto Italo Cucci autore e Massimo Moratti personaggio principale del testo.
Entra in scena il Riserva Nadèl, con la speciale etichetta in ceramica creata dal famoso ceramista faentino Gian Franco.Morini detto “Il Moro”, applicata sui magnum di riserva Nadèl.
Massimo Moratti e Italo Cucci si sono aggiudicati il Magnum con etichetta in ceramica, cosi Massimo Moratti ha dichiarato” Bellissima questa bottiglia, la terrò in bella mostra ma vuota, il vino lo beviamo alla prima vittoria dell’Inter”; e tra un sorriso e una foto anche Italo Cucci ha confessato il suo amore sia per l’Inter e per i meravigliosi vini di Romagna.
Ora diciamo “Sei dell’Inter se bevi Nadèl “

Hanno parlato di Noi:

Inter News

Faenza Notizie

Cervia Notizie

Sette Sere

 

Premiati Nonno Rico Augusto Burson 2010

By News

 Il Nonno Rico Sangiovese riserva ai vertici della guida “Emilia Romagna da bere e da mangiare” e l’Augusto Burson 2010 ha ottenuto la Medaglia d’argento al Concorso mondiale di Bruxelles.

 

Il Nonno Rico Sangiovese riserva di Poderi Morini approda nella guida “Emilia Romagna da bere e da mangiare” curata dall’associazione AIS dell’Emilia Romagna ottenendo il riconoscimento di eccellenza. Alla consegna degli attestati, svoltasi a Bologna mercoledì 19 luglio, ai produttori è stata consegnata la pergamena con la relativa menzione. Questa guida oggi è una delle realtà su carta più seguite e credibili attestando e riconoscendo i migliori esempi di vinificazione da Rimini a Piacenza. Parallelamente a questo riconoscimento ai Poderi Morini, nella stessa serata, è stata consegnata anche la medaglia d’argento del Concorso mondiale di Bruxelles per il vino Augusto Bursòn 2010. Una doppia premiazione per la realtà vitinivicola di Faenza che dimostra come la qualità dia di casa, anzi di cantina, per Alessandro Morini.

 

Il Bursòn Augusto Ravenna Rosso Igt, si ottiene da uve Longanesi, dedicato al nonno materno di Alessandro Morini, proprietario della cantina, ne rispecchia le caratteristiche: autoctono, piacevolmente rude, intenso e longevo, robusto e amante di piatti strutturati e succulenti. Un esempio di longevità e freschezza che a distanza di sette anni non tradisce le aspettative e si lascia ancora aspettare.

 

Nonno Rico è la Riserva nata per prima in casa Morini. Un Sangiovese dal gusto raffinato ed elegante pur mantenendo un rispetto totale verso la tradizione del Sangiovese di Romagna. La forza di questo vino viene dai 12 mesi di affinamento in Tonneaux e altri 12 in bottiglia. Un percorso calibrato che porta al Nonno Rico Romagna Sangiovese Oriolo Riserva ad avere intensi profumi di viole e frutti maturi di sottobosco con eleganti note speziate, il tutto arricchito da struttura e grande persistenza.

Gagarin Gazzetta del Gusto Libero 24×7 Faenza Notizie Il Buon Senso

 

 

 

Vini, il Bursòn Augusto medaglia d’argento a Bruxelles

By News

 

 

E’ la Torre di Oriolo a salvare l’onore dei vini rossi romagnoli, il cui unico rappresentante tra i medagliati del Concours Mondial de Bruxelles, tenutosi a Valladolid – una delle più prestigiose e più antiche competizioni internazionali dedicate al vino – è il Bursòn Angusto delle cantine Poderi Morini, del 2010. Medaglia d’argento per la più nota tra le creazioni di Alessandro Morini e della moglie Daniela, al timone della cantina dal 1998 (anno della fondazione).

Già l’anno scorso l’Augusto – frutto dei terreni argille-sabbiosi che circondano la Torre di Oriolo – si era aggiudicato la medaglia «E’ il nostro vino più apprezzato – spiega Morini – Lo commercializziamo solo dopo 5
o 6 anni dalla vendemmia». Stagioni che l’Augusto (che deriva il suo nome dal nonno paterno di Morini – mentre Bursòn era il soprannome della famiglia Longanesi, che «riscoprì» l’omonimo vitigno, all’origine dell’Augusto) trascorre in tonneaux di rovere, e successivamente in bottiglia. A dominare la classifica del Concorso, nel complesso, sono i Paesi a più forte tradizione vinicola, come Spagna, Francia, Italia e Portogallo, tallonati come spesso accade da Cile, Argentina, Sudafrica, Australia, Stati Uniti e Messico

HISTORIC MINARDI DAY IMOLA 6 – 7 MAGGIO

By News

«Ho studiato l ‘Historic Minardi Day sul format della Formula 1 che mi piacerebbe vedere. Una F 1 “porte aperte” a diretto contatto col pubblico. A Imola tutti gli appassionati e tifosi potranno vedere e toccare con mano le monoposto, incontrare i piloti e i loro beniamini, ma soprattutto riascoltare il sound storico delle potenti vetture di Formula 1. Durante la conferenza stampa del Gran Premio in Australia Christian Horner – team principal Red Bull Racing- ha dichiarato che il sound più bello del! ‘intero week-end di Melbourne è arrivato da una vettura di 12 anni fa, la Minardi PS05 nonostante a quei tempi fosse poco competitiva. A Imola si potranno riascoltare quei suoi»

Gian Carlo Minardi

Prende forma la seconda edizione dell’Historic Minardi Day all’ Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola da sabato 6 a domenica 7 maggio, la kermesse dedicata a piloti, fan, collezionisti ed appassionati che voglionorivivere dal vivo le emozioni legate alla storia della Formula l e del team faentino fondato da Gian Carlo Minardi.

Dopo il successo della prima edizione, l ‘Historic Minardi Day conferma la formula con paddock e box aperti a tutti gli appassionati che potranno toccare con mano le vetture e incontrare piloti e tecnici. I cancelli dell’ Autodromo di Imola e i propulsori delle potenti vetture di F1, F2, F3 e GT Storiche si accenderanno a partire dalle ore 9.00 di sabato 6 maggio per spegnersi solamente alle 18,30 di domenica 7.

Le vetture in pista: Fl, F2, F3 e GT

Un viaggio nel tempo lungo quarant’anni, grazie ad una griglia di partenza composta da oltre venticinque monoposto di Formula 1 che torneranno a rombare e a calcare i 4909 metri della pista del Santerno, a undici anni dalla vittoria di Michael Schumacher al volante della Ferrari F248 Fl. Si partirà dalla Maserati 250 F di Manuel Fangio del 1957 per arrivare alla Minardi 2005 passando per le Minardi M186 – protagoniste del Mondiale di F1 1986 con Alessandro Nannini e Adrian Campos – M189 con cui Martini-Sala conquistarono sei punti nel mondiale 1989, M192 motorizzata Lamborghini della coppia Morbidelli-Fittipaldi, M198 di Tuero e Nakano, la M01 di Mare Genè e Gaston Mazzacane del 2000 e la M01 con cui Fernando Alonso debuttò nel mondiale.

Non mancheranno le Ferrari 312B3 e 321B4 “spazzaneve” (1973), la Ferrari 312 B4 di Clay Regazzoni (1974), la March 761, la Tecno F1 del 1972, la Wolf WR7 (1979) di James Hunt e storico rivale di Niki Lauda, la Williams FW07 campione del mondo 1980, l’Osella FAI motorizzata Alfa Romeo (1981) e Alfa Romeo 184 T. Gli anni ’90 saranno rappresentati, tra gli altri, anche dalla Benetton B197 di Jean Alesi e Gerard Berger, dalla Fondmetal F1 e Dallara 190.

Quasi trenta le vetture di Formula 2 e Formula 3 dei più importanti costruttori con la Minardi F2 del 1982 a fare gli onori di casa. In pista le vetture degli anni ’60-’70-’80 e ’90 come la March- BMW, Ralt F3000, Tecno, Lola e Dallara. Numero importanti a cui si aggiungono anche le vetture GT storiche, tra cui l’Alfa Romeo 33 TT3, Ferrari Berlinetta 250, Porsche Macan Turbo, Lotus e Dome Le Mans.

« Voglio ringraziare tutti i collezioni e piloti che hanno accettato di partecipare attivamente a questa festa dello sport, in particolare i britannici Paul and Graham North e l’amico olandese Frits Van Eerd che quest ‘anno sarà tra i protagonisti della 24 Ore di Le Mans con una LMP2 insieme a Rubens Barrichello e Jan Lammer. L ‘Historic Minardi Day sarà l’occasione anche per riabbracciare gli amici dei Fans Club attivi in Italia e nel mondo»

Gli appassionati avranno la possibilità di incontrare i piloti che hanno scritto pagine importante storia del motorsport e della scuderia faentina come Miguel Angel Guerra, Pierluigi Martini e Paolo Barilla vincitori anche  della 24 Ore di Le Mans, Alessandro Nannini, Adrian Campos, Luis Perez Sala, Roberto Moreno, Luca Badoer, Tarso Marques, Jamo Trulli, Gaston Mazzacane, insieme al vincitore di cinque Le Mans Emanuele Pirro, al vice-campione del Mondo di F1 del 1992 con la Williams Riccardo Patrese, Andrea Montermini e agli ingegneri Gabriele Tredozi – direttore tecnico del Team Minardi dal 2001 al 2005, ma nell’organigramma già dal 1988, Aldo Costa e SimoneRestaentrambi partiti da Faenza per arrivare rispettivamente a Brackley a capo della Mercedes F 1 campione del mondo con Hamilton e Rosberg e a Maranello in qualità di capo progettista della Scuderia Ferrari

«Abbiamo creato un programma eterogeneo. Tanta azione in pista con le monoposto di Formula 1, Formula 2, Formula 3 e vetture Gr, ma anche tanto spettacolo col Live Music Show e la Minardi Classic che toccherà i borghi più belli della Romagna prima di arrivare in Autodromo, oltre alla gara fotografica»

Gian Carlo Minardi

Nella serata di sabato 6 quando SI spegneranno i motori, nel Paddock si accederanno i riflettori del Live Music Show (a partire dalle ore 21,00) che vedrà sul Minardi Live Stage Dedo & The Megaphones ed la Guest Star d’eccezione Max Gazzè, un grande artista e un eccellente driver. I biglietti sono già in vendita sul circuito TicketOne insieme all’abbonamento due giorni.

In collaborazione col Club Romagnolo Auto e Moto d’Epoca- C.R.A.M.E., il cui presidente Bruno Brusa è proprietario della GM75 Minardi, nella giornata di sabato 6 maggio oltre 40 vetture d’epoca come l’Alfa Romeo 6C 1750 Gran Sport Spider Zagato sfileranno in un percorso che si snoderà per oltre 40 chilometri fra le splendide colline romagnole toccando magnifici borghi medievali e città d’arte, prima di fare il loro ingresso in autodromo nel tardo pomeriggio. Le vetture della Minardi Classic resteranno in mostra all’interno del paddock per l’intera durata della manifestazione.

Il prologo della Kermesse avverrà venerdì 5 con la Festa del Golf, a partire dalle ore 14,00, presso il Golf Club “Le Cicogne” di Faenza con piloti e celebrità dello sport e vip si sfideranno una partita di fronte a tutti gli appassionati che potranno accedere gratuitamente all’interno del club

Spazio anche alla fotografia. A partire dalle ore 9.00 di sabato 6 fino alle ore 12.00 di domenica 7 maggio tutti gli appassionati potranno partecipare alla gara fotografica, le cui immagini saranno esaminate a insindacabile giudizio da una commissione presieduta da Angelo Orsi, famoso foto- report del Mondiale di Formula 1. L’autore della foto prescelta avrà il privilegio di fare un giro sulla pista di Imola a fianco di un pilota professionista’.

Per l’occasione, la mostra “Imola Formula 1 1963-2006: la storia continua” allestita all’interno del museo “Checco Costa” sarà arricchita con numerosi esemplari di vetture realizzate da Gian Carlo Minardi, per un viaggio tra le più belle e importanti monoposto del mondiale di Formula 1 che hanno solcato il tracciato di Imola.

Non mancheranno i furgoncini dello Street-food per degustare i sapori della cucina romagnola e il corner dedicato all’ area gaming con sfide ai simulatori.

HISTORICH MINARDI DAY Video

INFORMAZIONI

Vinitaly 9 – 12 Aprile 2017

By News

 

Alessandro e Daniela ti aspettano a Vinitaly Verona al Pad 7 stand B4 Area Cuziol Grandi Vini oppure Pad 1 Emilia Romagna area Consorzio Vini di Romagna, anche quest’anno riserviamo ai nostri amici una frizzante novità, si tratta del Pignoletto Morale Bianco Frizzante con una bottiglia dal look moderno e accattivante, ma piacevole al palato, con perlage intenso e inebriante, ideale per le lunghe giornate al mare.

 Altra novità il Savignone 2015, finalmente pronto per soddisfare i palati intransigenti, che amano i vini floreali e fruttati, quest’annata è fantastica, non lo diciamo noi, ma i critici enogastronomici.

 Negli stand del Consorzio vini di Romagna potrete assaggiare l’intera selezione da noi prodotta.  Mentre siete in giro entrate nello stand di Cuziol grandi vini, dove rifarete assaggi e vi accorgerete che il viaggio nei Vini di Alessandro e Daniela Morini valgono e vi troverete una bella storia da raccontare, una per tutte lo spumante Morosè da uve Centesimino.

 Lo spumante Morosè sta ottenendo grandissimi risultati di vendita, dovuti proprio alla gradevole bollicina rosata che prende il palato e intriga chi lo assaggia, ma la nostra gamma parte dal Sangiovese Superiore sino al Bursòn per arrivare al Nonno Rico che ha fatto incetta di premi.

 

L’azienda Poderi Morini nasce all’inizio degli anni novanta, con un progetto ben preciso, fare qualità con la tipicità delle uve del territorio, a distanza di oltre vent’anni possiamo orgogliosamente affermare che la qualità e la tipicità sono una costante, ma non siamo ancora contenti e vogliamo anche il vostro parere per migliorare ancora, Alessandro e Daniela vi aspettiamo con un calice in mano.

Guida VITAE 2017

By News

Quattro viti per il nostro Nonno Rico Romagna Sangiovese Oriolo Riserva 2012 nella terza edizione della Guida VITAE 2017 edita dall’Associazione Italiana Sommelier.

Il vino prodotto da Alessandro Morini ha ottenuto il massimo riconoscimento e sarà inserito  nell’edizione 2017.

Nonno Rico è la prima Riserva nata in casa Morini, dal gusto sempre raffinato ed elegante nel rispetto della tradizione del Sangiovese di Romagna.  !2 mesi in Tonneaux e 12 di affinamento in bottiglia regalano a Nonno Rico Romagna Sangiovese Oriolo Riserva 2012 un intenso profumo di viole e frutti del sottobosco con eleganti note speziate.

https://www.facebook.com/poderimorini