All Posts By

PoderiMorini

Alessandro Morini con il grande Giancarlo Minardi

By News
2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini - 340 GP Minardi

2005 Poderi Morini – 340 GP Minardi

Doctor Wine Centesimino Mon Amour Stefania Vinciguerra

By News

È capitato anche a voi, portando al naso un bicchiere di vino, di trovarvi a sorridere? Se sì, allora potete capire di cosa sto parlando. Confesso tutta la mia ignoranza nell’affermare che prima della mia ultima visita in Romagna non avevo mai assaggiato un Centesimino, anzi, conoscevo a mala pena l’esistenza di questo vitigno. Ma quando me ne hanno offerto un bicchiere mi sono innamorata esattamente come capita quando, da ragazzi, si incontra uno sguardo che dice qualcosa di diverso. Non significa che sono gli occhi più belli del mondo, semplicemente scocca una scintilla. Così sono andata a trovare il produttore di quella particolare bottiglia, Alessandro Morini, per farmi raccontare qualcosa di più. Si tratta di un’uva riscoperta per caso negli anni Venti, quando fu rinvenuta, quasi casualmente, una pianta sopravvissuta alla fillossera. La vecchia vite si trovava nel giardino di una residenza nobiliare settecentesca nel centro di Faenza, probabilmente protetta dalla malattia grazie alla sua posizione privilegiata. Lo “scopritore”, un certo Pietro Pianori, era detto “Centesimino” in quanto non proprio generoso e da allora il nome passò all’uva, soppiantando quello precedente di savignòn rosso. Molto diffusa fino agli anni Sessanta, fu lentamente abbandonata in quanto non molto produttiva e solo ora sta vivendo una seconda (o terza?) giovinezza, avendo ottenuto l’iscrizione al Registro Nazionale delle varietà di viti solo nel 2004. Morini, che è un difensore dei vitigni autoctoni romagnoli (fa parte anche del gruppo del Bursòn di cui ha parlato recentemente Riccardo Viscardi), ne produce addirittura 4 tipologie: uno spumante, MoRosé Brut; un tipo fermo, semplice da bersi giovane, Savignone Ravenna Igt, vinificato e affinato in acciaio; quello che mi ha folgorato, Traicolli, che matura in tonneau; infine una versione passita, il Rubacuori. La produzione aziendale, poi, include gli altri vini tipici della zona: Albana, Sangiovese e, come detto, il Bursòn nonché un Super Romagna. L’azienda Poderi Morini – che ha iniziato a produrre vino nel 1998 – si trova nei colli faentini intorno alla Torre di Oriolo e comprende 40 ettari di vigneti che affondano le proprie radici nel classico “spungone” romagnolo. Il  microclima trae benefici sia dalla brezza adriatica sia dai venti che scendono dall’Appennino Tosco Romagnolo.

Spontanei come il sottobosco

By enogastronomiche
image_pdfimage_print

Sertura, è il marchio con il quale nel 2013 nasce l’azienda irpina dell’agronomo Giancarlo Barbieri.

Anni d’esperienza come consulente per altre cantine, mentre sempre più forte era la voglia di provare in prima persona, di mettersi in gioco nel mondo del vino.

10437422_1141796329164221_7607606039887328330_nSertura, un termine preso dal dialetto locale, che identifica la spontaneità della selva, del sottobosco, ed è stato scelto per esprimere la schiettezza, l’autenticità di questi vini.

Giancarlo, su 4 ettari di terra vitata, tra i comuni di Montefalcione, Santa Paolina e Torre Nocelle in provincia di Avellino, alleva viti degli autoctoni Fiano, Greco e Aglianico.

Le vigne sorte e governate secondo il proprio Terroir, quindi con particolare attenzione alla relazione tra il suolo, il microclima, l’esposizione e la pianta, elementi fondamentali per produrre un buon vino ed ottenere la migliore espressione del vitigno, come del territorio che lo ha allevato.

1997_1141794609164393_1170696453469720010_nPer scelta Giancarlo vinifica unicamente le sue uve e solo in purezza, utilizzando botti d’acciaio e limitando quelle di legno  solo al processo d’affinamento del Taurasi, come dettato dal disciplinare.

Sertura ha una produzione annua di 20.000 bottiglie tra Fiano di Avellino Docg, Greco di Tufo Docg, Taurasi Docg e Aglianico Igt.

Sono vini che conservano una spiccata personalità, riconducibile al vitigno, al territorio, al lodevole lavoro in vigna quanto in cantina, mirato ad una sana produzione di qualità.

Ed è solo l’inizio della storia di una nuova azienda irpina….

Angela Merolla

www.sertura.it

L’articolo Spontanei come il sottobosco sembra essere il primo su EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, chamapagne, viaggi e turismo.

Pubblicato da : EGNEWS

Podium 2013 candidato all’Oscar del vino 2016

By enogastronomiche
image_pdfimage_print

Bibenda ogni anno fa questa bellissima serata dove le eccellenze italiane vengono esaltate, noi abbiamo assaggiato questo vino e lo abbiamo recensito assegnandogli un buon punteggio, ma ci rendiamo conto che forse siamo stati un po troppo parchi, però ciò che dice la nostra giuria non si cambia. http://www.wineinlondon.co.uk/prodotto/podium-2013-verdicchio-castelli-di-jesi-doc-garofoli/

Ciò non toglie che questo Verdicchio sia in ogni caso un grande vino e siccome ci piace, invitiamo voi lettori a votarlo perché possa vincere l’oscar del vino 2016 come miglior vino bianco.
per votare cliccate qui http://www.bibenda.it/oscar_votazione.php

Per voi lettori la soddisfazione che un vino della domenica, costa tra 11 e 15 euro in enoteca, che ci si può permettere è premiato dalla Fondazione Sommelier Italiana e dal pubblico della rete.

L’articolo Podium 2013 candidato all’Oscar del vino 2016 sembra essere il primo su EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, chamapagne, viaggi e turismo.

Pubblicato da : EGNEWS

Tenuta Uccellina vola in Cina

By enogastronomiche
image_pdfimage_print

Il Burson 2009 di Tenuta Uccellina, Gran Medaglia D’Oro al Concours Mondial de Bruxelles, piace ai cinesi. A chi pensa che i premi non servano poi a molto può bastare questa dimostrazione di interesse da parte di uno dei mercati in maggior espansione nel mondo.

Sono 900 al momento le bottiglie richieste per l’assaggio che voleranno direttamente in Cina che confermano il buon lavoro portato avanti da Alberto Rusticali e Antonietta Amoroso coppia vincente del mondo del vino.

Tenuta Uccellina produce vini rossi, bianchi, grappe ed esporta circa il 70% della propria produzione ma il mercato cinese non aveva mostrato segni di interesse. D’altra parte  senza riconoscimenti ufficiali e premi in concorsi internazionali produzioni di autoctoni come il Longanesi avrebbero difficoltà a raggiungere certi mercati.

Tenuta Uccellina dedica al recupero della tradizione vitivinicola  del territorio romagnole molte risorse e grande attenzione. In azienda si punta a “far bene” nel rispetto della terra, del prodotto e del consumatore finale: raccolta manuale, sistema di lotta integrata nel massimo rispetto dell’ambiente e dell’uomo, fermentazione selezionata, attento affinamento e conoscenza autentica.

Da non dimenticare che il Burson 2009  di Tenuta Uccellina di Russi aveva trionfato alla 21esima edizione del Concours Mondial de Bruxelles, uno dei concorsi enologici più importanti e prestigiosi del Mondo, dove aveva  conquistato una delle 16 Gran Medaglie D’Oro che l’Italia si era aggiudicata su 1200 campioni di vini presentati.

L’articolo Tenuta Uccellina vola in Cina sembra essere il primo su EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, chamapagne, viaggi e turismo.

Pubblicato da : EGNEWS

Poderi Morini: successo a Milano

By enogastronomiche
image_pdfimage_print

Grande interesse per gli autoctoni della Romagna ieri a Milano nell’ambito della manifestazione “La Mappa degli Autoctoni.Alla scoperta dei vitigni tipici italiani” organizzata da “Civiltà del Bere”.

I Poderi Morini  si sono messi in luce con Centesimino, Longanesi e Albana, le varietà su cui Alessandro Morini ha creduto e investito partecipando così al recupero di quel patrimonio di autoctoni di cui l’Italia è ricca. Sommelier, operatori e appassionati hanno avuto modo di assaggiare le specificità di ogni territorio attraverso i prodotti dei suoi vitigni e la Romagna è stata una delle protagoniste dell’evento.

I Poderi Morini da sempre hanno creduto nel recupero dei vitigni dimenticati o quasi scomparsi, come ad esempio  Longanesi e Centesimino, adoperandosi, vendemmia dopo vendemmia, nella creazione di vini che raccontassero al meglio la loro  terra di origine a ogni assaggio.

Tre le etichette presentate da Alessandro Morini, patron dell’azienda, all’interno della manifestazione ci sono il Savignone Ravenna Rosso I.g.t 2015 per il Centesimino, il Sette Note Albana di Romagna d.o.c.g. 2013 per  l’Albana e il Burson Augusto 2009 per  il Longanesi. Tutti vini vincitori di medaglie in diversi concorsi internazionali che hanno saputo conquistare il pubblico milanese.

Dopo questo nuova dimostrazione del valore del lavoro svolto dall’azienda Poderi Morini non resta che aspettare il lancio del prossimo vitigno autoctono a cui Alessandro sta lavorando: il Pignoletto.

Roberta Capanni

 

L’articolo Poderi Morini: successo a Milano sembra essere il primo su EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, chamapagne, viaggi e turismo.

Pubblicato da : EGNEWS

In vacanza si fanno ottime scoperte

By enogastronomiche
image_pdfimage_print

Bellissima scopertaIMG-20151231-WA0022 fatta al ristorante Tabià di Ponte di Legno, il locale tipico di montagna, ma ti colpisce l’impatto appena entri nel locale, sulla tua sinistra una meraviglioso bancone con carni e subito dietro due forni a legna dove il bravo cuoco aiutato dalla moglie cucina la carne alla griglia e sempre nello stesso forno meravigliose lasagne gratinate e cotte in ciotole di ferro.
IMG-20151231-WA0024
Dimenticavo, se guardi alla tua destra una splendida vetrina con i vini del territorio, Rebola in testa. I posti a sedere sono disposti in tre accoglientissime salette disposte su più livelli, come succedeva nelle vecchie case dove se aprivi una porta potevi trovare il pavimento più basso e necessitava di uno o due scalini e il locale ha proprio questa caratteristica.IMG-20151231-WA0032

La vera forza sta nella genuinità dei piatti, semplici ben impostati e gustosi, meravigliose costolette di cervo cotte a puntino nel forno con griglia, le minestre cotte al forno hanno una croccante crostina e come la rompi esce un profumo di buono.  La sensazione di essere in un posto buono la provi appena entri nel locale, dove gli odori sono gustosi e ti fanno ricordare piatti mangiati in tempi diversi. per arrivarci è semplice se parcheggiate nel nuovissimo parcheggio sotterraneo passate il ponte e subito dopo sulla destra lo vedete sembra un accasa normale, ma quando entrate siete in paradiso.IMG-20151231-WA0018

Prezo € 30/40 escluso bevande

Ristorante Tabià
Tel 036491406
Chiuso il Martedi

Via San Antonio, 3, 25056 Ponte di Legno, Italia

L’articolo In vacanza si fanno ottime scoperte sembra essere il primo su EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, chamapagne, viaggi e turismo.

Pubblicato da : EGNEWS

Il Diamante nel piatto

By enogastronomiche
image_pdfimage_print

La storia golosa della Sicilia raccontata da Anna Martano, Prefetto della Sicilia dell’Aigs (Accademia Italiana di Gastronomia Storica e Gastrosofia), nell’incontro di conservatoria organizzato dal Centro di Cultura Gastronomica Nuara CookSicily a Trapani.

aigs
Un evento unico che ha messo insieme storia, cultura, cibo e vino dell’Isola del mito. Anna Martano, Prefetto della Sicilia Aigs, ha condotto il pubblico lungo un viaggio attraverso le tante dominazioni che nei secoli si sono succedute in Sicilia, raccontando come questo incrocio di genti e culture combinandosi con la straordinarietà del territorio siciliano, capace di offrire i migliori ingredienti, abbia prodotto una cucina dalle irripetibili caratteristiche.

 

L’excursus storico-gastronomico è stato affiancato dalla preparazione di due piatti del periodo, a cura dello chef Francesco Pinello. Lo Sciabbò di Castrogiovanni, delle lasagne ricce condite con un ragù di carne al cioccolato e le polpette ricche, polpettine di carne di maiale impastate con amaretti.

 

Due piatti storici dimenticati, la cui riscoperta è stata una vera sorpresa del gusto per i partecipanti. In accompagnamento il 41 Nero d’Avola Riserva delle Cantine Terre di Bruca, amabilmente presentato dal titolare Daniele Barbera insieme al Questore Aigs di Siracusa, Rosario Giunta.

 

Il viaggio storico è continuato sino all’epoca dei Monsù per concludersi con un ricordo del maestro Francesco Paolo Cascino. Altra festa per il palato: lo chef ha proposto la Corona di riso in cassa di melanzane dorate, eccellente piatto creato da Alfredo Senise, monsù di Casa Florio, in onore di Donna Franca. Ad accompagnarlo “In mezzo” Frappato rosato, ultimo nato di Terre di Bruca che, con i suoi sentori di pompelmo e gelsomino, ha esaltato la pietanza.

 

Infine, la vera storia della cassata siciliana illustrata da Anna Martano, mentre i pasticcieri guidati dal Questore di Palermo Massimo Giambelluca ne hanno realizzato una gigante per la delizia dei partecipanti. hanno golosamente gustato.

 

In occasione dell’evento il Prefetto Sicilia Aigs, ha consegnato i Blasoni di Ambasciatori Aigs a Paolo Salerno, e agli chef Francesco Pinello, Antonino Mineo e Nick Venturella; la squadra siciliana dell’Aigs così si arricchisce di altri talenti.

 

Ad Anna Martano, Paolo Salerno ha consegnato il “Diploma di Trapanesità” che Nuara attribuisce a coloro che diffondono la cultura gastronomica trapanese e Massimo Giambelluca un attestato di merito dell’Aigs per l’attività di “promozione delle tradizioni enogastronomiche siciliane identificate quali strumento di sviluppo culturale, economico e turistico”. (am)

L’articolo Il Diamante nel piatto sembra essere il primo su EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, chamapagne, viaggi e turismo.

Pubblicato da : EGNEWS

Svizzera estate d’arte

By enogastronomiche
image_pdfimage_print

La Svizzera ha puntato all’arte per la stagione estiva 2016. Dopo Roma le proposte  di Svizzera Turismo  sono state presentate anche a Firenze all’interno di un incontro che si è svolto nel panoramico all’Hotel Baglioni.

La Svizzera ha puntato sull’arte, in controtendenza con la mania di prendere i viaggiatori per la gola, gli elvetici hanno pensato ad un “cibo” che cura l’anima.
Arte e mostre  specialmente in musei di nuova concezione dove gli artisti hanno spazi adeguati  che fanno respirare le loro opere e le inseriscono nel contesto più adatto.

Una Svizzera che non è solo paesaggi incontaminati, passeggiate, formaggi e cioccolato ma accogliente contenitore d’arte.  980 i musei sul suo territorio,  la più alta densità al mondo, musei  che si sono formati nel tempo grazie alla forte spinta culturale, il mecenatismo e a collezioni private. Non è un caso se 13 dei 200 collezionisti più ricchi e influenti del mondo vivono proprio in Svizzera, persone che hanno comunque voluto condividere con la collettività il patrimonio di opere fatto crescere negli anni.

In questo 2016 si è inoltre costituita l’associazione Art Museum of Switzerland (AMOS) che ha lo scopo di promuove nel mondo i musei presenti sul territorio. Tante le mostre temporanee che si accostano alle esposizioni permanenti. Basilea, nota come la capitale svizzera della cultura, riaprirà il Kunstmuseaum con la parte centrale restaurata e un nuovo edificio collegato sotto il livello stradale al corpo principale, progettato dagli architetti Crist & Gantenbein.  Per poterli visitare Basilea Turismo offre L’Art &Design Special che comprende ingresso per 48 ore alle mostre e alle collezioni e il pernottamento per 75,00 euro a persona.

Zurigo, che si trova al centro dell’Europa, offre  più di 50 musei e oltre 100 gallerie ed è facilmente raggiungibile da Milano. Qui si celebrano i 100 anni del Dadaismo che si formò nel 1915 che qui vide la luce per poi conquistare il mondo. Inoltre a Zurigo si svolgerà Manifesta11, la biennale d’arte contemporanea. Zurigo con il suo lago e la sua storia è una delle città svizzere più piacevoli e interessanti da visitare e quest’anno vanta anche l’inaugurazione del FIFA World Football Museum un luogo dove si celebra il mondo del calcio in tutte le sue sfaccettature con proposte di divertimento per tutta la famiglia.

FOTO 208Anche se le possibilità sono davvero tante, da Ginevra, a Losanna, a Berna, a Lucerna,  mi voglio soffermare sull’ amata Lugano che presenta un ricco cartellone di eventi. Il LAC Lugano Arte e Cultura, avveniristico centro culturale dedicato alle arti visive e sceniche, luogo di condivisione tra le varie discipline artistiche offrirà come sempre la sua spettacolare posizione sul lago di Ceresio oltre alle sue installazioni.Per gli amanti del musical a Melide tra agosto e settembre andrà in scena  il musical “Titanic” con 20 spettacoli in tedesco e italiano. Da non dimenticare il piccolo museo Hermann Hesse nato dove l’autore, ritrovata la sua vena artista, dette vita a capolavori della letteratura come “Siddharta” , “Narciso e Boccadoro” e  “Il lupo e la steppa”.
Senza dimenticare che Lugano offre una cucina interessante e d’estate una visita ai famosi “grottini” va assolutamente fatta! Un’ultima importante cosa rimane da dire: la prima domenica di ogni mese tutti i musei di Lugano si aprono gratuitamente al pubblico.

Roberta Capanni

L’articolo Svizzera estate d’arte sembra essere il primo su EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, chamapagne, viaggi e turismo.

Pubblicato da : EGNEWS

L’abito fa il monaco!

By enogastronomiche
image_pdfimage_print

Al via la quarta edizione del Premio Mediterraneo Packaging (Pmp), la grande kermesse del Club Oliovinopeperoncino per premiare le aziende vinicole e olivicole dei Paesi del Mediterraneo al miglioramento della propria immagine. Entro il 30 aprile l’invio dei campioni.
Basta fare un vino o un olio di qualità per venderlo? Purtroppo no. La confezione è fondamentale per il prodotto, poiché determina il successo di un’operazione commerciale. Per i consumatori l’immagine di un prodotto è legata alla sua qualità: un buon packaging è sinonimo di pregevolezza del suo contenuto.

 

Per queste ragioni, abbiamo avviato il Premio Mediterraneo Packaging (Pmp) che quest’anno è alla 4° edizione, con l’intento di valorizzare e premiare l’impegno di quelle aziende italiane ed estere, con particolare riferimento al bacino del Mediterraneo, che hanno investito e continuano a farlo nel miglioramento dell’immagine del proprio prodotto.

 

Il Premio Packaging Mediterraneo è realizzato in partnership con l’Istituto di Istruzione Secondaria “Mattarella-Dolci” di Castellammare del Golfo (Tp), l’Istituto Vergani di Ferrara e l’Istituto “Persolino-Strocchi” di Faenza (Ra), coinvolgendo nelle scelte dei prodotti gli studenti quali futuri consumatori, oltre una commissione di esperti del settore.

 

Molte le novità dell’edizione di quest’anno. Oltre ai premi per le aziende vinicole e olivicole dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, riconoscimenti saranno assegnati anche alle agenzie grafiche che ne hanno curato il packaging e alle idee più innovative applicate alle confezioni.

 

Inoltre, Oliovinopeperoncino premierà il giornalista miglior comunicatore del vino e dell’olio. La premiazione si svolgerà nella splendida cornice di Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani il 28 maggio 2016.

 

Le aziende dovranno iscriversi e inviare i campioni entro il 30 aprile 2016. Il regolamento del concorso si trova su www.egnews.it/premio-mediterraneo-packaging/ e per ogni ulteriore chiarimento gli interessati potranno rivolgersi alla redazione ai numeri 0533 995019 oppure 339 4097858, o inviare una mail a eg1@egnews.it

L’articolo L’abito fa il monaco! sembra essere il primo su EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, chamapagne, viaggi e turismo.

Pubblicato da : EGNEWS