E’ la Torre di Oriolo a salvare l’onore dei vini rossi romagnoli, il cui unico rappresentante tra i medagliati del Concours Mondial de Bruxelles, tenutosi a Valladolid – una delle più prestigiose e più antiche competizioni internazionali dedicate al vino – è il Bursòn Angusto delle cantine Poderi Morini, del 2010. Medaglia d’argento per la più nota tra le creazioni di Alessandro Morini e della moglie Daniela, al timone della cantina dal 1998 (anno della fondazione).

Già l’anno scorso l’Augusto – frutto dei terreni argille-sabbiosi che circondano la Torre di Oriolo – si era aggiudicato la medaglia «E’ il nostro vino più apprezzato – spiega Morini – Lo commercializziamo solo dopo 5
o 6 anni dalla vendemmia». Stagioni che l’Augusto (che deriva il suo nome dal nonno paterno di Morini – mentre Bursòn era il soprannome della famiglia Longanesi, che «riscoprì» l’omonimo vitigno, all’origine dell’Augusto) trascorre in tonneaux di rovere, e successivamente in bottiglia. A dominare la classifica del Concorso, nel complesso, sono i Paesi a più forte tradizione vinicola, come Spagna, Francia, Italia e Portogallo, tallonati come spesso accade da Cile, Argentina, Sudafrica, Australia, Stati Uniti e Messico

Poderi Morini

Author Poderi Morini

Siamo un’azienda giovane, appassionata della propria terra che ha scelto di fare il vino per celebrarne al meglio il valore, la tradizione e la cultura: “diamo valore alla Romagna che amiamo” queste sono infatti le parole con cui descriviamo la motivazione del nostro progetto dal sapore imprenditoriale ma anche intensamente personale.

More posts by Poderi Morini